Olio Extravergine d'Oliva e insalate: i Migliori Abbinamenti

Aggiornato il: giu 3

Anche se l'estate sembra ancora lontana e il mare sembra una meta lontana per chiunque, tenersi in forma in modo salutare e naturale fa sempre bene non solo al corpo ma anche alla mente.

In questo articolo parleremo di un abbinamento talvolta scontato, altre volte per nulla considerato ovvero unire il sapore dell'ottimo olio extravergine d'oliva alla freschezza di un'insalata sana.

Tante volte a tavola consideriamo l'insalata come un piatto veloce, più predisposto ad un break che ad un pranzo o una cena. In realtà l'insalata si sta riscoprendo: basti pensare ai Poke, piatti in cui numerosi ingredienti a scelta vengono amalgamati per dare un sapore originale e ben distinguibile.

In questo nuovo gusto culinario anche l'olio fa la sua parte in quanto da sempre ha accompagnato la buona tavola per le sue caratteristiche sia organolettiche che gustose.

Ecco quindi gli abbinamenti che vi invitiamo a provare a seconda dell'olio!

Buona lettura!

1) Olio extravergine di oliva dal fruttato intenso

Insalata ai Carciofi con olio extravergine d'oliva

Questo tipo di olio è dotato di carattere forte e quindi all'assaggio si sentono distinte le note di amaro e piccante molto evidenti; per questo per accompagnarlo è necessario che siano delle verdure con una struttura altrettanto importante e robusta come carote, cetrioli, rape, ravanelli, sedano e finocchio. Solo in questo modo potremo bilanciare il gusto dell’olio che si sposerà bene con questo abbinamento. Ovviamente a completare il pasto e renderlo ancora più strutturato potete abbinare a insalata e olio della carne, meglio se rossa come ne parliamo in questo nostro articolo, o del pesce abbastanza grasso. In questo modo né il sapore forte delle verdure o dell'olio sarà prevalente e ogni elemento del piatto avrà la sua parte.


2) Olio extravergine dal fruttato medio

Insalata con peperoni e olio extravergine d'oliva

Questo tipo di olio è più delicato del precedente ma dispone ancora di un sapore ben strutturato ottimo come base per un piatto in cui gli altri ingredienti sono più amati.

Infatti partendo da questo presupposto la scelta migliore per il nostro abbinamento ricade proprio su questo tipo di ortaggi ovvero particolarmente ricchi di acqua e dalla foglia spessa come i carciofi, cardi, cavolfiore o cicoria che dispongono già di un sapore ben riconoscibile e hanno bisogno solo di una buona base per farli spiccare nel piatto e renderli protagonisti.

Anche nel caso in cui la scelta ricade su verdura come la cipolla, la lattuga, il peperone, il pomodoro o il radicchio, l'olio deve essere dello stesso tipo, dal gusto rotondo e armonico, per non esaltare il sapore amaro della verdura e la sua acidità.


3) Olio extravergine dal fruttato leggero

Insalata con olio extravergine d'oliva e lattuga

L'ultimo tipo di olio rimasto se vogliamo è anche il più semplice dei tre ma non per questo meno degno di essere presente sulla tavola. Anzi bisogno solo trovare il giusto accompagnamento che in questo caso ricadrà su verdure sapide e delicate. Quest'olio infatti dispone di tonalità fini e leggere, con note di amaro e piccante poco accentuate. Per questo è meglio che ad accompagnarlo ci siano insalate semplici a base di lattuga, cappuccio e valeriana, intensificando il loro sapore senza sovrastarlo.


Ecco quindi un altro esempio di come l'olio può davvero unire con il suo sapore anche le pietanze che più possono sembrare neutri o poco sostanziose.


E voi proverete qualcuna di queste ricette o ne conoscete altre? Fatecelo sapere nei commenti!

Al prossimo articolo!

  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

©2019 Azienda Agricola Tenuta Manelli. Sede legale: via Ugo Foscolo 39, Francavilla Fontana (BR) 72021 P. IVA 02486410745